I 3 PERICOLi NASCOSTI CHE OGNI IMPRENDITORE DEVE ASSOLUTAMENTE CONOSCERE

Ogni imprenditore che sia un artigiano, un commerciante o un titolare di azienda amministra denaro.

Tutti gli imprenditori nel corso della loro vita compreranno una cosa o ne prenderanno una in affitto, si sposeranno o andranno a convivere, compreranno un negozio/ufficio o decideranno di affittarne uno, ci sarà chi avrà dei figli, ma tutti cercheranno di risparmiare per i momenti più difficili.

Tutti durante la vita devono essere economicamente pronti ad affrontare grandi e piccoli imprevisti.

Ora voglio spiegarti nel dettaglio i tre rischi.

PRIMO RISCHIO: MENO ENTRATE

Essendo tu un imprenditore, e non sapendo neanche cosa voglia dire POSTO FISSO, sai benissimo che le entrate dipendo al 100% dalle attività che riesci a svolgere e/o delegare ai tuoi collaboratori.

Sarai quindi d’accordo con me quando dico, che se domani ti succedesse qualcosa per la quale tu non riuscissi più a fare tutto quello che hai fatto fino oggi per te sarebbe un problema molto grave.

Giusto?

Mi confermi anche che questo problema si ripercuoterebbe molto violentemente anche sulla tua famiglia?

Siamo quindi d’accordo che il capitale umano è la prima cosa da tutelare.

Mio nonno avrebbe spiegalo lo stesso concetto con sei semplici parole:

<< quando c’è la salute, c’è tutto>>

I motivi per i quali non potresti essere più in grado di produrre lo stesso reddito del giorno prima, o di non poterlo produrre affatto sono tre.

UNO UNA GRAVE INVALIDITA’. 

Pensa, che ogni giorno, a causa di malattie e/o infortuni, ci sono persone che restano invalide ed a causa del loro nuovo stato fisico non sono più in grado di svolgere la stessa attività che svolgevano il giorno precedente.

Ogni giorno ci sono invalidità gravi o gravissime per persone che hanno tra i 40 ed i 50 anni e credimi sono molto di più di quelli che vincono al gratta e vinci. 

Ti voglio fare una domanda provocatoria:

Se oggi rimanessi invalido, sai a quanto ammonterebbe la pensione in invalidità che ti erogherebbe l’Inail? 

Il secondo grande rischio è la PREMORIENZA.

Avendo un’azienda e forse anche una famiglia, mi sembra doveroso sapere cosa spetterebbe ai tuoi cari in caso di una tua improvvisa e prematura scomparsa.

Per permettere loro di mantenere uno stile di vita dignitoso dovresti sapere prima di tutto quanto  erogherebbe l’Ianil ai tuoi cari e solo dopo, nel caso in cui lo ritenessi inadeguato, potresti integrare con una assicurazione privata.

Altra domanda provocatoria?

Sai a quanto ammonta e come si calcola la famosa reversibilità?

Il tuo assicuratore si è preoccupato di farti vedere a quanto ammonterebbero i tuoi risarcimenti oppure ti ha sempre proposto la classica polizza infortuni standard?

Fortunatamente ci sono moltissime persone che arrivano sane alla pensione, ma bisogna fare molta attenzione perché c’è ancora un ultimo rischio, seppur bellissimo, è pur sempre un rischio

IL RISCHIO DI VIVERE A LUNGO.

Negli ultimi 50 anni l’aspettativa di vita si è alzata di 14 anni e grazie alle cure ed alla medicina nei prossimi 50 anni continuerà a salire.

Tutto bello fin qui, ma ora dobbiamo guardare il rovescio della medaglia.

di quanto sono diminuite le pensioni nell’ultimo decennio?

Fino al secolo scorso, l’aspettativa di vita post pensionamento era di circa 20 anni con una pensione molto alta, a volte anche più alta dell’ultimo stipendio. Oggi l’aspettativa di vita post pensionamento è di circa 30 anni, e la pensione che si percepisce è molto più bassa dell’ultimo stipendio.

In sintesi si rischia di vivere a lungo con pochissimi soldi a disposizione.

Con il nostro sistema pensionistico, dove chi lavora non accantona per se tesso la pensione, ma paga la pensione di tutte quella persone che hanno raggiunto i requisiti per riceverla, questa situazione purtroppo è destinata a peggiorare.  Quando i quarantenni di oggi andranno in pensione con; i tassi di natalità molto bassi e sempre più persone che scappano dall’Italia ci saranno abbastanza lavoratori per pagare le loro pensioni?

O L’INPS sarà costretto ad abbassare ulteriormente le pensioni e/o allungare l’età pensionabile?

La prima cosa che ti verrà in mente per ripararti da questo rischio è quella di accantonare più soldi possibili per la vecchiaia, ma credimi, quei soldi potrebbero non bastare anche se fossero cinquecentomila euro.

Guarda, per esempio Schumacher. La moglie è stata costretta a vendere dei beni per garantirgli le cure e non credo che sul loro conto corrente avessero solo cinquecento mila euro.

SECONDO RISCHIO: BENI(PERDITA e RESPOSABILITA’)

Sembra assurdo, ma per il solo fatto che tu possiedi dei bene, corri dei rischi.

Un grave danno potrebbe venire da un terremoto che ti porta via la casa, da un incendio al tuo magazzino o per un evento atmosferico.

Con i tuoi stessi beni, per la mancanza di attenzione o di manutenzione potresti causare dei danni ad altre persone e per il solo fatto di esserne il proprietario, devi rispondere civilmente e penalmente

Sapere cosa succede nel caso in cui un terremoto rade al suolo la tua casa credo sia un tuo dovere.

E’ assurdo che nel 2018 ci sono ancora persona che dormono in tenda, quando un polizza casa che tutela dal terremoto costa molto meno di un caffe.

Sapere cosa succede se: stai sciando e butti fuori pista un padre di famiglia, oppure durante lo svolgimento della tua attività professionale rimane ferito un passante o un dipendete è un tuo diretto, ma anche un tuo dovere.

Io credo che al mondo non esistono sfighe, esistono solo probabilità e se non prendi le dovute cautele potresti passare dei guai molto seri.

Molte volte, mi rendo conto che le persone non hanno la percezione dei rischi a cui si espongono e tutti i giorni giocano con il fuoco, purtroppo a volte anche gli assicuratori.

Vedo quasi sempre polizze di responsabilità civile sia per la vita privata che per l’attività professionale con massimali di 500.000,00 mila euro, raramente con un milione, ma a volte anche con 250.000 euro.

Ti garantisco, che un milione di euro non basterebbe a risarcire la morte di una persona, magari prossimamente farò un video e ti farò vedere le tabelle con i risarcimenti stabiliti del tribunale di Milano cosi facciamo anche un conteggio molto veloce.

Mi domando che senso ha avere una polizza con un massimale di 500.000 euro quando la richiesta sarà di 2 milioni?

Questo accade perché ci si affida ad un consulente non specializzato e che non avendo conoscenza del settore ti fa giocare con il fuoco.

Potremmo calcolare la cifra precisa del risarcimento avendo tutti i dati a disposizione, ma quello che mi interessa ora è farti capire è il concetto. Pensa che negli ultimi 10 anni il massimale dell’ rc auto è stato innalzato 3 volte, perché sempre più spesso non era sufficiente a risarcire tutti i danni provocati. Attualmente il massimale è di oltre 7 milioni di euro che non sarà assolutamente sufficiente per risarcire tutti i danni causati dal veicolo sull’A13 nell’incidente del 6 agosto del 2018.

Non sapere cosa succederebbe se…… e come giocare con il fuoco. 

TERZO RISCHIO: PIANIFICAZIONE DEL RISPARMIO

Per non rischiare di vedere andare in fumo in qualche anno, i risparmi di una vita, devi seguire due accortezze.

La prima: devi assolutamente evitare di destinare il tuo intero capitale in un’unica soluzione d’investimento.

Questo è l’errore più grande che puoi fare.

Seppur mi rendo conto che è un concetto detto e ridetto, mi sento in dovere di ribadirlo, per non vedere altri imprenditori come quelli che hanno investito tutto Antonveneta o in Parmalat

La seconda: Risparmiare per obiettivi

Risparmiare per obiettivi fa risparmiare il doppio, quindi decidere che da oggi per 5 anni vuoi risparmiare per il master di tuo figlio, per l’auto nuova, per la vacanza da sogno o per qualunque altra cosa e sapere che da qui a 5 anni avrò a disposizione quei 10.000,00 euro con i quali potrò raggiungere il mio obbiettivo è il modo migliore per risparmiare.

Ricordati, infine: i guadagni facili non esistono.

Ora, hai un quadro completo di tutti i rischi da evitare per non rimanere mai senza soldi.

Se sei una persona responsabile ed hai a cuore la tua famiglia avrai sicuramente voglia di verificare la tua attuale protezione e capire se stai giocando con il fuoco.

TESTIMONIANZE

RICHIEDI UNA CONSULENZA

Fino ad oggi, purtroppo, il tuo assicuratore di fiducia, la tua banca, e perfino l’ufficio postale non si sono preoccupati di metterti al riparo dagli imprevisti secondo questo schema, anzi hanno provato a venderti polizze standard, che a te non servono, ma servono a loro per raggiungere obbiettivi e premi di vendita.

Sono abbastanza sicuro che tu, di un sistema assicurativo, non ne abbia mai sentito parlare.

 

E NON E’ CERTO PER COLPA TUA

 

A differenza di tutti i consulenti generalisti,

poste, banche e tutti gli altri venditori di

polizze, ho deciso di NON concentrarmi

sulla vendita aggressiva di prodotti e polizze.

Ho scelto di operare soltanto con il sistema

 

IMPRENDITORE SICURO

PRIMA LE INFORMAZIONI, DOPO LE SOLUZIONI

 

Il mio obbiettivo NON è quello di farti tornare a casa pieno di polizze, ma quello di aiutarti a capire a quali rischi ogni giorno ti esponi e permetterti di decidere autonomamente e consapevolmente cosa fare.

 

IMPRENDITORE SICURO ti permette di valutare, quantificare e trasferire tutti i rischi che pesano sulla tua testa e su quella della tua azienda.

 

LA DIAGNOSI IMPRENDITORE SICURO HA UN ENORME VALORE

 

Come puoi immaginare, richiede competenze tecniche ed un software specifico che non puoi attualmente trovare sul mercato.

Se sei un vero imprenditore, sono certo che capirai subito l’importanza di ricevere queste informazioni.

 

Dal momento che hai letto fino qui vuol dire che sei una persona responsabile e quindi  ho deciso di farti un regalo

 

PUOI PRENOTARE LA TUA DIAGNOSI, DEL VALORE DI 450,00 €, E RICEVERE IL REPORT DELLE SOLUZIONI DEL TUTTO GRATUITAMENTE COMPILANDO IL FORM QUI SOTTO.

Ti contatterò personalmente per fissare un appuntamento in cui ti chiederò alcune informazioni su di te, sulla tu azienda e sulla tua famiglia.

 

NESSUNA VENDITA

 

Alla fine del nostro appuntamento, grazie al mio software sarò in grado di generare il report delle soluzioni personalizzato per la tua situazione.

Il mio obiettivo è quello di dotarti di un’arma realmente efficiente per difenderti dalle insidie della vita e dalle proposte inadeguate che ti arrivano da assicuratori generalisti, banche e poste

RICHIEDI  la diagnosi imprenditore sicuro